Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Menu di navigazione della sottosezione

A A A icona accessibilità Access Key icona mappa del sito Mappa del sito icona aiuto Aiuto
 
Menu di navigazione
Sei in: Il Cittadino » Essere cittadino » Essere cittadino straniero in Italia » Cittadinanza

Menu di navigazione della sottosezione


Essere cittadino straniero in Italia

Contenuto della pagina


Essere cittadino

CITTADINANZA


Informazioni

La cittadinanza italiana è trasmessa “jure sanguinis” (diritto di sangue), pertanto il figlio nato in qualsiasi Paese da madre o padre italiano è italiano; la nostra cittadinanza, regolata della legge n° 91 del 05/02/1992 e successivo decreto attuativo; contempla il diritto alla titolarità di più cittadinanze, salvo disposizioni diverse dovute ad accordi internazionali operando specifiche Convenzioni: l’acquisto da parte di un cittadino italiano di una cittadinanza straniera non comporta, quindi,  automaticamente  la perdita della cittadinanza italiana.

La legge n° 91 del 05/02/1992  e successivo decreto attuativo indica il principio dell’acquisto della cittadinanza italiana,  come già precisato  per trasmissione paterna o materna, mentre l’acquisto automatico “jure soli” (nascita sul territorio) continua ad essere limitato ai figli di ignoti, di apolidi o ai figli che non seguono la cittadinanza dei genitori, per esempio i cittadini cubani o cileni non trasmettono jure sanguinis la loro cittadinanza ai figli.

 

La cittadinanza italiana si acquista trasmettendola all’interno della famiglia da un componente all’altro, per esempio con il matrimonio, dal marito alla moglie o viceversa, con il riconoscimento successivamente alla nascita da parte del padre italiano o della madre italiana,  con la dichiarazione giudiziale di filiazione durante la minore età del soggetto, con l’adozione; inoltre in presenza di determinati presupposti per “automatismo di legge”, per esempio il minorenne straniero convivente con il genitore che acquista la cittadinanza italiana  ne segue la cittadinanza ed   infine la “naturalizzazione”  che comporta una specifica espressione di volontà da parte del richiedente per esempio per residenza legale nel nostro territorio di un cittadino straniero. In questo caso, la concessione della cittadinanza non avviene per automatismo ma dopo un’attenta valutazione dei requisiti richiesti da parte degli organi preposti: se la valutazione è positiva viene emanato un decreto da parte  del Presidente della Repubblica.

 

I valori su cui si fonda la nostra società derivano dall’impegno di generazioni di uomini e di donne di orientamenti diversi: laici e religiosi, recepiti nella nostra COSTITUZIONE, fondata sul rispetto della dignità umana  e ispirata ai principi di libertà  ed uguaglianza validi per chiunque viva nel nostro Paese. La nostra carta Costituzionale tutela e promuove i diritti umani, sostenendo i più deboli, garantendo lo sviluppo delle capacità e attitudini di lavoro, morali e spirituali di ogni essere umano. 

 

La cittadinanza era ed è  il rapporto che lega un soggetto ad un Paese, determinando i diritti e i doveri; attualmente ai sensi dell’art. 17 del trattato che istituisce la Comunità Europea:  “E’ istituita una cittadinanza dell’Unione. E’ CITTADINO dell’UNIONE chiunque abbia la cittadinanza di uno Stato membro. La cittadinanza dell’Unione costituisce un complemento della cittadinanza nazionale e non sostituisce quest’ultima”.

Essere quindi cittadino Europeo permette di circolare e di soggiornare sul territorio degli Stati membri; il diritto di voto e di eleggibilità alle elezioni del Parlamento europeo nello Stato membro di residenza; il diritto di beneficiare della tutela diplomatica e consolare di qualsiasi Stato membro; il diritto di petizione al Parlamento europeo.

 

Informazioni in merito alla cittadinanza, vista la complessità della materia, potranno essere acquisite presso l’Ufficio di stato civile  del Comune di residenza, nel nostro caso Grosseto o presso la Prefettura - Ufficio Territoriale del Governo -

Per avere dettagliate  informazioni e scaricare la eventuale documentazione necessaria entrare nel sito del Ministero dell’Interno di seguito indicato.

 

 

 

 

Modulistica

***

Normativa/e di riferimento

Circolari M. I.

Legge n° 91/1992 e  successivo D.P.R. n° 572/1993

Circolari Ministero dell’Interno

DPR. n° 396/2000

 

 

Contatti interni

Contatti ad enti/uffici esterni

Prefettura U.T.G.  P.zza Rosselli n° 1 – 58100 GROSSETO

Tel. centralino 0564/433111 Ufficio cittadinanza  Tel. 0564/433463 

Fax  0564/433455 

 

 

Link utili

Ministero dell’Interno

Ufficio di Stato Civile del Comune di Grosseto

Pubblicata da: S.E.D. | Pagina modificata: 17.01.2014 09:01 | Pagina creata: 28.12.2007 08:03








� 2008 Comune di Grosseto | credits | Garante della Comunicazione Urbanistica | W3C quality assurance: Valid XHTML 1.0 Strict    CSS Valido!