Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Menu di navigazione della sottosezione

A A A icona accessibilità Access Key icona mappa del sito Mappa del sito icona aiuto Aiuto
 
Menu di navigazione
Sei in: Il Comune » Gli Uffici del Comune » Segreteria Generale » Servizio Affari Istituzionali » Ufficio elettorale » Cap. III - Istituti di Partecipazione e Diritti del Cittadino

Menu di navigazione della sottosezione


Segreteria Generale

Contenuto della pagina


Servizio Affari Istituzionali

Cap. III - Istituti di Partecipazione e Diritti del Cittadino


Art.26 - Assemblee di Cittadini

Nei casi previsti dall'art.13, ultimo comma, o su richiesta del Sindaco, di 1/3 dei Consiglieri Circoscrizionali e Comunali, di 200 elettori nella Circoscrizione con 15 Consiglieri o di 100 elettori nella Circoscrizione con 9 Consiglieri, il Presidente del Consiglio Circoscrizionale indice assemblee di consultazione dei cittadini residenti nella Circoscrizione , dandone comunicazione al Sindaco. L'assemblea è convocata mediante manifesti, affissi almeno cinque giorni prima della data stabilita per la riunione nell'ambito del territorio della Circoscrizione. Tutti i cittadini partecipanti all'Assemblea hanno diritto di parola e, eventualmente, di voto. Il Consiglio Circoscrizionale cura l'esecuzione dei deliberati dell'Assemblea.

 

Art. 27 - Le consultazioni

Il Consiglio Circoscrizionale promuove consultazioni attinenti al confronto, allo scambio ed alla verifica di reciproche informazioni di programmi e progetti con particolari categorie e settori della comunità locale su specifici provvedimenti di interesse circoscrizionale.

 

Art. 28 - Diritto di interrogazione

I cittadini della Circoscrizione, singoli o associati, possono rivolgere al Presidente del Consiglio Circoscrizionale interrogazioni sui problemi della Circoscrizione. Il Presidente, sentito il Consiglio Circoscrizionale, è tenuto a dare risposta scritta ordinariamente entro trenta giorni.

 

Art. 29 - Diritto di petizione e proposta

I cittadini della Circoscrizione, singoli o associati, possono rivolgere al Consiglio Circoscrizionale petizioni e proposte scritte per chiedere specifici provvedimenti o per esporre necessità di interesse comune. La petizione deve essere sottoscritta con firma leggibile da almeno dieci elettori della Circoscrizione. Il presidente della Circoscrizione ne investa gli Organi o gli Uffici competenti che sono tenuti ad esaminarle entro sessanta giorni, dandone motivata comunicazione agli interessati, anche nel caso di archiviazione. Ove l'oggetto della petizione ecceda la competenza del Consiglio Circoscrizionale, il Presidente provvede a trasmetterla al Sindaco per gli adempimenti previsti agli artt.76 e 77 del regolamento interno del Consiglio stesso. I promotori delle petizioni e delle proposte hanno la facoltà di essere sentiti, qualora lo richiedono, per illustrare la loro iniziativa, tramite una delegazione composta al massimo di tre persone.

 

Art. 30 - Commissioni Consiliari

Il Consiglio Circoscrizionale può istituire commissioni per determinate materie o per determinati settori di intervento per inseguire determinati affari, quali strumenti di collaborazione e consulenza e di più larga ed articolata partecipazione delle forze sociali. Le Commissioni sono presiedute da un Consigliere Circoscrizionale, che ne organizza e disciplina i lavori, dandone poi conto al Consiglio Circoscrizionale. Sia il Presidente sia i Membri delle Commissioni sono nominati dal Consiglio Circoscrizionale e durano in carica per un periodo indicato nel provvedimento di nomina. Possono essere nominati, componenti delle Commissioni anche cittadini non Consiglieri Circoscrizionali e non elettori della Circoscrizione che per appartenenza ad organizzazioni sociali o per particolare e riconosciuta esperienza e qualificazione tecnico- professionale, possono portare un utile contributo. Le commissioni possono tenere riunioni aperte a rappresentanti di organizzazioni economiche, sociali e culturali operanti nella Circoscrizione ed ai cittadini residenti o che, per ragioni di lavoro o altro motivo, siano comunque interessati ai problemi della Circoscrizione. Ai membri delle Commissioni è estesa la disciplina relativa alla ineleggibilità ed incompatibilità dei Consiglieri Circoscrizionali. E' in ogni caso incompatibile la carica di Consigliere Comunale con quella di membro della Commissione Circoscrizionale.

 

Art. 31 - Pubblicità delle decisioni

L'Amministrazione Comunale ed il Consiglio Circoscrizionale curano la più ampia pubblicità e diffusione delle decisioni e delle attività degli Organi della Circoscrizione e l'informazione ai cittadini sui programmi e dibattiti svolti. Dei verbali delle sedute dei Consigli Circoscrizionali e delle Assemblee viene data di norma lettura nella seduta successiva dei verbali, fermo restando che ogni consigliere può chiedere eventuali rettifiche nonchè notizia mediante affissione all'Albo Comunale ed a quello Circoscrizionale e, se ritenuto opportuno, con ogni altro mezzo di informazione. Tutti i cittadini hanno diritto di libero accesso alle strutture ed agli atti della Circoscrizione ed hanno facoltà di intervenire nel procedimento qualora abbiano interesse al provvedimento amministrativo secondo le norme di legge. I Consigli Circoscrizionali hanno diritto di utilizzare il notiziario periodico pubblicato dall'Amministrazione Comunale per illustrare, con criteri di imparzialità, la propria attività.

Autore: S.E.D. | Pagina modificata: 17.04.2008 16:02 | Pagina creata: 19.10.2007 11:54








� 2008 Comune di Grosseto | credits | Garante della Comunicazione Urbanistica | W3C quality assurance: Valid XHTML 1.0 Strict    CSS Valido!