Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Menu di navigazione della sottosezione

A A A icona accessibilità Access Key icona mappa del sito Mappa del sito icona aiuto Aiuto
 
Menu di navigazione
Sei in: Il Cittadino » Studiare » Iniziative dei Servizi Educativi

Menu di navigazione della sottosezione


Iniziative dei Servizi Educativi

Contenuto della pagina


Studiare

Iniziative dei Servizi Educativi


 

PROGETTO INFANZIA PEGASO-rilevazione fabbisogni delle scuole dell'infanzia per l'a.s. 2012/2013-

 

Dopo avere individuato i fabbisogni del territorio in termini di lista di attesa nelle scuole dell'infanzia statali per l'a.s. 2012/2013 il Servizio Servizi Educativi ha ritenuto necessario presentare un progetto alla R.T. ai fini di eventuale assegnazione di contributi regionali per l'istituzione di una nuova sezione della scuola dell'infanzia statale ai fini della riduzione della lista di attesa.

Il plesso in questione è risultato essere la scuola ex Rugginosa, attualmente ubicata nel plesso scolastico della secondaria di primo grado “Ungaretti”

Tale plesso, unitamente alla scuola dell'infanzia di S.Martino situata in via Jugoslavia, la cui lista di attesa contava ben 85 alunni, appartiene all'istituto comprensivo n. 3.

La realizzazione del progetto ha permesso di soddisfare, anche se in modo parziale, le innumerevoli richieste di iscrizione pervenute allo stesso comprensivo.

Nel presentare il progetto si è valutato anche l'aspetto didattico-educativo sottolineando come estremamente limitante sia un'offerta formativa organizzata in monosezione in un territorio ad alta densità di popolazione.

 

Il Comune ha sottoscritto una convenzione con la regione, a firma congiunta con il Dirigente dell'istituto, il giorno 5 settembre 2012.

Le Finalità che il progetto vuol perseguire sono quelle di ridurre la lista di attesa e favorire le attività trasversali attuabili solo nel caso di più sezioni funzionanti all'interno dello stesso plesso.

 

  PROGETTO SCUOLE SLOW

Il progetto ha coinvolto 6 classi di 5° elementare, appartenenti alle ex direzioni didattiche del 3° e 5° circolo e ha inteso offrire ai ragazzi la possibilità di dare la giusta importanza a ciò che si mangia, conoscere la sua origine e il lavoro dei produttori, rispettare il ritmo delle stagioni e essere consapevoli che le scelte alimentari quotidiane influiscono sul futuro del nostro pianeta.

Il progetto si è sviluppato attraverso visite guidate c/o i presidi della provincia e le comunità del cibo , accompagnate dalle spiegazioni di esperti sui vari argomenti descritti dal materiale visivo presente.

Le attività sono proseguite anche in aula con gli esperti dell'associazione Slow food affiancati dall'esperta nutrizionista della ditta CAMST appaltatrice del servizio di refezione scolastica.

Le Finalità che il progetto ha inteso raggiungere sono: la tutela della biodiversità, la valorizzazione della diversità delle culture, dei saperi, delle competenze e dei punti di vista, nell'intento di valorizzare la memoria, i sapori e le culture locali nonché stimolare la curiosità e allenare l'intuito e il senso critico.

 

MENSA EDUCATIVA, SOCIALE, SOLIDALE

 

Con l'inizio dell'a.s. 2012/2013 l'amministrazione comunale ha provveduto a nuova aggiudicazione alla Ditta CAMST,Società Cooperativa a.r.l., della gara per il servizio di refezione scolastica.

Il nuovo appalto ha portato delle migliorie sia sotto l'aspetto qualitativo che organizzativo al servizio di cui trattasi con ottimizzazione della qualità ed innovazione del servizio, dei tempi e dei costi, intervenendo come di seguito descritto:

-Introduzione di un nuovo sistema di rilevazione della prenotazione del pasto tramite l'utilizzo di un palmare nel quale gli operatori prenderanno direttamente visione dei nominativi degli alunni di ogni classe fruitrice del servizio;

-eliminazione dei buoni pasto per le scuole periferiche non dotate di terminale di prenotazione;

-offerta all'utenza di un servizio semplificato, in quanto non dovrà più provvedere al ritiro dei ticket e potrà accedere direttamente, in maniera personalizzata, tramite un codice individuale rilasciato ad ogni utente, al sistema per verificare la propria situazione sui relativi pagamenti e consultare on line menù e diete;

-eliminazione della stampa mensile dei fogli giornalieri delle presenze pari a n.3300 circa con un risparmio sul consumo di carta e quindi anche economico e ambientale;

-eliminazione dei controlli mensili per la correzione di eventuali anomalie prima dell'emissione del bollettino di pagamento;

-risparmio sui costi delle manutenzioni ordinarie dei refettori e sulla sostituzione di arredi ormai obsoleti, che saranno effettuate dalla ditta stessa;

-risparmio sulla manutenzione dei naturizzatori installati in n. 5 scuole che sarà effettuata dalla ditta stessa;

-installazione di n. 2 ulteriori self-service c/o due strutture, di cui n.1, in forma sperimentale, in una scuola statale dell'infanzia,(questo ultimo entro il corrente anno scolastico 2012/2013), per permettere anche ad altri bambini di usufruire dei benefici educativi derivanti dalla fruizione del servizio di refezione scolastica tramite il modello self-service..

-recupero di generi alimentari, da parte della ditta stessa, per scopi assistenziali, con trasporto degli stessi, nel pieno rispetto delle norme igieniche e delle prescrizioni del servizio igienico sanitario, alle associazioni di volontariato individuate dall'Amministrazione Comunale, per contenere le situazioni di disagio e migliorare le condizioni delle persone in difficoltà, in particolare in questo momento di grave crisi economica;

Le finalità che il progetto intende perseguire, mettendo in campo tutte le azioni sopra descritte, sono mirate al miglioramento del servizio di refezione scolastica anche attraverso l'utilizzo delle nuove tecnologie, ma senza perdere di vista gli aspetti educativi insiti in una buona educazione alimentare - sociali per rendere un servizio migliore all'utenza e non eludere le aspettative attese- solidali per promuovere la sensibilità verso problemi che fanno parte del nostro vivere quotidiano- economici per l'Ente- migliorativi per l'utilizzo delle risorse umane assegnate all'ufficio- ambientali attraverso un limitato consumo di carta ed energia elettrica

Gara per l'affidamento del servizio di trasporto scolastico

Il primo gennaio 2013 scade la gara per l'affidamento del servizio di trasporto scolastico, pertanto nel 2012 sono state attivate tutte le procedure di gara che si sono concluse nel mese di ottobre con affidamento di tale servizio alla Societa TIEMME per 5 anni.

Al servizio verranno apportate delle migliorie che eleveranno l'indice di qualità sotto l'aspetto della sicurezza, della tecnologia e dell'organizzazione nelle gestione delle varie fasi di organizzazione.

Saranno messi a disposizione mezzi idonei per caratteristiche, numeri posti e attrezzature a norma di legge, in quantità necessaria per la copertura del servizio, più mezzi di riserva. Il personale sarà formato ed aggiornato annualmente,sarà messo a disposizione un ufficio URP, saranno usati mezzi ecocompatibili, e mezzi omologati per il trasporto di utenti disabili.

A bordo di ogni mezzo sarà installato un computer di bordo per il continuo monitoraggio.

Inoltre ogni scuolabus sarà distinto da un cartello indicatore per renderlo riconoscibile ai ragazzi. Quanto sopra descritto è finalizzato a fornire un servizio che dia maggiori garanzie di sicurezza, ponendo anche l'attenzione alla salvaguardia del territorio, alla prevenzione dell'inquinamento, nonché ad accurate indagini di customer satisfaction.

 

Il progetto ha coinvolto 6 classi di 5° elementare, appartenenti alle ex direzioni didattiche del 3° e 5° circolo e ha inteso offrire ai ragazzi la possibilità di dare la giusta importanza a ciò che si mangia, conoscere la sua origine e il lavoro dei produttori, rispettare il ritmo delle stagioni e essere consapevoli che le scelte alimentari quotidiane influiscono sul futuro del nostro pianeta.

Il progetto si è sviluppato attraverso visite guidate c/o i presidi della provincia e le comunità del cibo , accompagnate dalle spiegazioni di esperti sui vari argomenti descritti dal materiale visivo presente.

Le attività sono proseguite anche in aula con gli esperti dell'associazione Slow food affiancati dall'esperta nutrizionista della ditta CAMST appaltatrice del servizio di refezione scolastica.

Le Finalità che il progetto ha inteso raggiungere sono: la tutela della biodiversità, la valorizzazione della diversità delle culture, dei saperi, delle competenze e dei punti di vista, nell'intento di valorizzare la memoria, i sapori e le culture locali nonché stimolare la curiosità e allenare l'intuito e il senso critico.

 

Il progetto ha coinvolto 6 classi di 5° elementare, appartenenti alle ex direzioni didattiche del 3° e 5° circolo e ha inteso offrire ai ragazzi la possibilità di dare la giusta importanza a ciò che si mangia, conoscere la sua origine e il lavoro dei produttori, rispettare il ritmo delle stagioni e essere consapevoli che le scelte alimentari quotidiane influiscono sul futuro del nostro pianeta.

Il progetto si è sviluppato attraverso visite guidate c/o i presidi della provincia e le comunità del cibo , accompagnate dalle spiegazioni di esperti sui vari argomenti descritti dal materiale visivo presente.

Le attività sono proseguite anche in aula con gli esperti dell'associazione Slow food affiancati dall'esperta nutrizionista della ditta CAMST appaltatrice del servizio di refezione scolastica.

Le Finalità che il progetto ha inteso raggiungere sono: la tutela della biodiversità, la valorizzazione della diversità delle culture, dei saperi, delle competenze e dei punti di vista, nell'intento di valorizzare la memoria, i sapori e le culture locali nonché stimolare la curiosità e allenare l'intuito e il senso critico.

 

Il progetto ha coinvolto 6 classi di 5° elementare, appartenenti alle ex direzioni didattiche del 3° e 5° circolo e ha inteso offrire ai ragazzi la possibilità di dare la giusta importanza a ciò che si mangia, conoscere la sua origine e il lavoro dei produttori, rispettare il ritmo delle stagioni e essere consapevoli che le scelte alimentari quotidiane influiscono sul futuro del nostro pianeta.

Il progetto si è sviluppato attraverso visite guidate c/o i presidi della provincia e le comunità del cibo , accompagnate dalle spiegazioni di esperti sui vari argomenti descritti dal materiale visivo presente.

Le attività sono proseguite anche in aula con gli esperti dell'associazione Slow food affiancati dall'esperta nutrizionista della ditta CAMST appaltatrice del servizio di refezione scolastica.

Le Finalità che il progetto ha inteso raggiungere sono: la tutela della biodiversità, la valorizzazione della diversità delle culture, dei saperi, delle competenze e dei punti di vista, nell'intento di valorizzare la memoria, i sapori e le culture locali nonché stimolare la curiosità e allenare l'intuito e il senso critico.

 

Il progetto ha coinvolto 6 classi di 5° elementare, appartenenti alle ex direzioni didattiche del 3° e 5° circolo e ha inteso offrire ai ragazzi la possibilità di dare la giusta importanza a ciò che si mangia, conoscere la sua origine e il lavoro dei produttori, rispettare il ritmo delle stagioni e essere consapevoli che le scelte alimentari quotidiane influiscono sul futuro del nostro pianeta.

Il progetto si è sviluppato attraverso visite guidate c/o i presidi della provincia e le comunità del cibo , accompagnate dalle spiegazioni di esperti sui vari argomenti descritti dal materiale visivo presente.

Le attività sono proseguite anche in aula con gli esperti dell'associazione Slow food affiancati dall'esperta nutrizionista della ditta CAMST appaltatrice del servizio di refezione scolastica.

Le Finalità che il progetto ha inteso raggiungere sono: la tutela della biodiversità, la valorizzazione della diversità delle culture, dei saperi, delle competenze e dei punti di vista, nell'intento di valorizzare la memoria, i sapori e le culture locali nonché stimolare la curiosità e allenare l'intuito e il senso critico.

 

 

 

“Progetto Diplomarsi .... anche nella zona di Braccagni”

 

Il progetto si rivolge a tutti gli adulti che desiderano incrementare le proprie competenze di base, trasversali e tecnico – professionali e acquisire un titolo di studio (qualifica professionale e diploma di stato), ma non sono in grado di accedere alle risorse educative tradizionali. Nell'ambito del progetto sono stati sviluppate specifiche risorse didattiche multimediali e sono stati formati docenti ed il tutor di supportare gli adulti nel loro processo di apprendimento in presenza e a distanza. Il comune, nel rispetto della normativa vigente, si è fatto carico delle spese per i rimborsi, per reperire locali idonei allo svolgimento del progetto, per le aule didattiche attrezzate con connessione wireless e del compenso al Tutor d'aula, assicurando il servizio di vigilanza e pulizia dei locali nonché il monitoraggio del regolare svolgimento dell'iniziativa.

Il modello didattico adottato prevede un corso di studi triennale e si basa sulla didattica blended (ovvero sia in aula che on line). Hanno partecipato al corso n. 20 studenti e sono stati attivati due periodi didattici a seconda del grado di competenze rilevate in fase di colloquio propedeutico all'inizio dei corsi. Ad oggi gli studenti hanno seguito e continuano a seguire il corso con impegno, interesse e partecipazione.

Il Comune ha firmato un protocollo di intesa con l'Istituto di Istruzione Superiore Polo Commerciale Artistico Grafico Musicale di Grosseto.

Le finalità del progetto mirano ad ampliare o creare ex novo l'offerta formativa in aree decentrate e in contesti particolari, allo scopo di consentire ad un più ampio numero di persone di rientrare in formazione e, sopratutto, di sviluppare le competenze chiave per l'apprendimento permanente.

Progetto di educazione e animazione "Campo Solare"

 

Il progetto campo solare a tutto mare è una proposta di grande valenza didattica incentrata sulle tematiche ambientali, che offre alle famiglie un servizio educativo e di animazione che si integra ad altre offerte ricreative presenti sul territorio e costituisce un supporto organizzativo alle famiglie nel conciliare tempo libero ed attività lavorativa durante il periodo di chiusa dell'anno scolastico.

Il progetto, che è alla sua seconda edizione in quanto richiesto a gran voce dalle famiglie che ne avevano usufruito l'anno precedente, è stato realizzato con la collaborazione di Legambiente e si è svolto c/o il Centro Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile-Il Girasole dal 25 Giugno 2012 al 06/07/2012.

Nella seconda edizione il progetto ha beneficiato totalmente delle sponsorizzazioni economiche della Ditta CAMST Soc.Coop.arl e della ditta IPECOS, fornitori rispettivamente dei servizi di refezione scolastica e derattizzazione per i Servizi Educativi del comune di Grosseto.

La Finalità che il progetto intende perseguire è quella di costituire un supporto organizzativo alle famiglie durante il periodo estivo di chiusura delle scuole e nel contempo offrire ai ragazzi la possibilità di vivere momenti socializzanti al di fuori del contesto scolastico in un ambiente ideale dove unire l'aspetto ludico a quello didattico laboratoriale.

  

 

 

Progetto "Scuola e Solidarietà"

Scuola e solidarietà”: questo il nome del progetto che l'amministrazione comunale ha fatto proprio e che prenderà il via con l'anno scolastico 2011-2012. Si tratta di un'iniziativa con molteplici scopi; su tutti il recupero di cibo non consumato nelle mense della scuola e la distribuzione alle persone più bisognose. Questo grazie ad un accordo con la Camst, la ditta che si occupa del servizio di refezione scolastica. La stessa dittà, infatti, alla fine dei pasti provvederà a selezionare e a raccogliere in appositi contenitori il cibo da riutilizzare, nonché a consegnarlo ai volontari delle associazioni chiamate in causa, ovvero la Caritas, la Ronda della solidarietà e la parrocchia dell'Addolorata per il servizo di mensa per i bisognosi. Il progetto è stato curato in collaborazione con la direzione didattica del 4° Circolo di Grosseto; ad essere interessata da questa prima sperimentazione sarà infatti la scuola elementare di via Mazzini, a partire dal prossimo ottobre. “Scuola e solidarietà” prende spunto dalla cosidetta “Legge del buon samaritano” che permette alle associazioni che operano a fini di solidarietà sociale di recuperare gli alimenti non consumati e ridistribuirli a chi si trova in difficoltà. Scopo dell'iniziativa è anche quello di diminuire lo spreco di cibo e sensibilizzare i cittadini, in particolare i ragazzi, al valore della solidarietà.

Festival del libro "Il Piazzalibri"

Nei giorni 14-15-16 Aprile si svolgerà il Festival del Libro "Il Piazzalibri" che vede la collaborazione tra il Servizio Servizi Educativi e il Servizio Cultura con le Direzioni Didattiche statali del 1° - 3° - 4° e 5° Circolo, della Scuola Media Statale “Galilei – Da Vinci”, della Scuola Media Statale “Vico – Alighieri”, della Scuola Media Statale “Pascoli – Ungaretti, con l'Istituto Storico Grossetano della Resistenza e dell'Età Contemporanea (ISGREC). La manifestazione è patrocinata dall'Amministrazione Provinciale di Grosseto e della Fondazione Grosseto Cultura. Tra gli argomenti trattati ci sarà spazio per il tema dell'alimentazione e dell'educazione alimentare, rivolto sia ai bambini che ai loro genitori. Sabato 16 intevverrà quindi l'economa nutrzionista che si occupa della cura dei menù che vengono presentati nelle mense scolastiche, realizzando un laboratorio sulla sana e corretta alimentazione. Ai presenti verrà offerta una colazione a base di prodotti tipici della Maremma.

Recupero Finanziamenti per il consumo dei prodotti lattiero caseari

Il Servizio Servizi Educativi ha iniziato un progetto per il recupero dei finanziamenti legati al consumo dei prodotti lattiero caseari.La Comunità Europea offre l'opportunità di usufruire di tali contributi con lo scopo di incrementare il consumo dei prodotti lattiero caseari e a tal fine mette a disposizione delle Amministrazioni Comunali un contributo a fondo perduto sul loro consumo presso le mense scolastiche. L'azione di recupero ha avuto inizio  a partire dal mese di Aprile sulla base dei prodotti distribuiti nelle mense delle scuole dell'Infanzia, primarie e secondarie di primo grado.


Celebrazione 150 anni dell'Unità d'Italia

In occasione del 150esimo anniversario dell'Unità d'Italia, l'Amministrazione Comunale, tramite i Servizi Educativi,  ha promosso e finanziato un progetto a favore delle scuole cittadine affinché gli alunni avessero l’opportunità di celebrare l’evento non come una parentesi storica chiusa e conclusa, da studiare in maniera mnemonica sui libri di scuola, ma come un’occasione in più per sollecitarli a riappropriarsi delle proprie radici e a fare proprio un processo la cui portata li tocca direttamente, ricordando insieme, attraverso la capacità di meditare , personalità , eventi ed imprese di quel tempo, che ci appartengono e ci riguardano. Le autonomie scolastiche che hanno aderito all'iniziativa hanno avuto modo di beneficiare della consulenza dell'Isgrec, l'Istituto Grossetano per la resistenza e l'età contemporanea, creando così eventi il più possibile aderenti all'epoca storica considerata. Attraverso una serie di incontri si è delineato il programma di rappresentazioni nelle quali il Risorgimento viene analizzato sotto molteplici punti di vista: si passa quindi dall'analisi individuale del volontario che partecipa alla rivolta all'evoluzione sociale e linguistica dell'intero popolo italiano.

Le rappresentazioni inizieranno il 14 marzo con la scola media Vico che commemorerà personaggi e luoghi lungo le vie del centro storico. Il 16 marzo la Direzione Didattica del 3° Circolo porterà i bambini delle classi V presso la Sala Eden per canti e declamazioni sul tema. Il giorno 17 maggio inizierà, presso la Chiesa dei Bigi una mostra dei lavori degli alunni della scuole media Pascoli, inserita in un più ampio lavoro dedicato ad Alberto Manzi, intitolata “E ora facciamo gli Italiani”, con particolare riferimento all'evoluzione della lingua italiana. Nel mese di maggio concluderanno le celebrazioni le scuole della Direzione Didattica del 4° Circolo e della scuola media “Galilei”.

Riproposizione del progetto "Telegiornale in classe"

Anche quest'anno i Servizi Educativi hanno promosso, in collaborazione con RAI 3, il progetto "Telegiornale in classe", indirizzato agli alunni delle scuole primarie e secondarie di 1° grado. Questo progetto, che parte dall'esperienza del Gt Ragazzi ed ha come obiettivo quello di coinvolgere i ragazzi nell'analisi e nella lettura critica dell'informazione televisiva, è risultato essere molto interessante e proficuo per i ragazzi che vi hanno partecipato, tanto che uno dei telegiornali da loro prodotti è stato messo in onda nelle edizioni regionali e nazionali dei telegiornali. Quest'anno hanno aderito al progetto una classe della scuola primaria di Via Rovetta, una della scuola primaria di Rispescia e due della scuola media Vico. Tra le fasi del progetto sono previste anche 4 visite agli studi RAI di Saxa Rubra a partire dal prossimo 13 dicembre.

Celebrazioni per i 150 anni dell'Unità d'Italia

Per celebrare i 150 anni dell’unità d’Italia il Servizio Servizi Educativi promuoverà iniziative ed organizzerà eventi volti a ricordare il significato e il valore epocale, nella storia italiana, del periodo storico del Risorgimento, sul piano istituzionale,politico, laico e religioso. Verranno coinvolte le Autonomie scolastiche che hanno presentato progetti mirati a riappropriarsi delle proprie radici e a fare proprio un processo la cui portata li tocca direttamente, ricordando insieme, attraverso la capacità di meditare , personalità , eventi ed imprese di quel tempo, che ci appartengono e ci riguardano.  Il Servizio collaborerà anche con l'Isgrec, l'Istituo Grossetano della resistenza e dell'età contemporanea, che darà un forte contributo grazie alla disponibilità di esperti storici. Il progetto, iniziato a Novembre, si concluderà a marzo 2011 e si svolgerà prevalentemente nelle vie cittadine dedicate ai protagonisti e ai luoghi del Risorgimento.

La refezione scolastica – Un ponte tra bisogni e educazione alimentare

Il Servizio Servizi Educativi del Comune di Grosseto ha intrapreso, ormai da diversi anni un percorso di miglioramento della qualità dello stile di vita degli alunni,con la crescente attenzione ai temi dell’educazione alimentare e dell'educazione ambientale. Destinatari privilegiati delle iniziative realizzate sono i ragazzi delle scuole dell'infanzia e primarie della città e di competenza comunale, futuri adulti cittadini che avranno maggiore sensibilità nei confronti delle problematiche ambientali.

Prendendo come punto di partenza il miglioramento dello stile di vita degli alunni come bisogno primario, sia sotto il profilo comportamentale che socio-culturale, sono stati forniti strumenti adeguati a potenziare dei percorsi finalizzati ad una crescita che faccia riemergere corrette abitudini, consapevolezze e valori dimenticati, e sono stati elaborati percorsi che sviluppino il senso critico e la consapevolezza nell’attuale contesto del mondo contemporaneo e globalizzato. Negli ultimi anni sono stati introdotti cibi biologici in percentuale pari al 70% circa, carni altamente controllate, selezionate e certificate di provenienza esclusivamente nazionale. Sono stati poi sostituiti i vuoti a perdere e e le stoviglie  in plastica con vetro e ceramica. Sono stati elaborati nuovi menù che tengano conto dei numerosi cambiamenti avvenuti in campo nutrizionale, così da offrire alla popolazione scolastica un’alimentazione rispettosa dei giusti valori calorici e equilibri nutrizionali.

Favorendo un’alimentazione equilibrata e corretta, è stato possibile creare percorsi che sviluppino il senso critico e la consapevolezza della tutela ambientale e del rispetto del territorio.

Per incentivare l’utilizzo dell’acqua di rubinetto, sono stati individuati individuati i plessi scolastici di due scuole dell’infanzia e di due scuole primarie al cui interno sono stati installati i naturizzatori. L’acqua viene servita in caraffe di vetro e non più in bottiglie di plastica, contribuendo così a ridurre i costi per la collettività in termini di smaltimento, di spreco di acqua, di consumo di carburanti fossili altamente inquinanti.

E’ stata quindi data una svolta ecoligistica al sistema percorrendo la strada per tutelare la salute del singolo e della collettività, ottenendo così un modello di ristorazione scolastica capace di far riconoscere le biodiversità e rispettare l’ambiente. Per migliorare il servizio di refezione scolastica è stato inoltre introdotto in alcune scuole il sistema self service con il quale i bambini diventano protagonisti del cambiamento delle abitudini alimentari, sviluppando atteggiamenti di maggiore autonomia e attenzione, scegliendo tra le diverse qualità di piatti messi a loro disposizione. Il sistema self service permette di ottimizzare e sviluppare la qualità dell'organizzazione del servizio di refezione scolastica, ed educare i bambini alle scelte consapevoli nel campo dell'alimentazione e, al tempo stesso, soddisfare i bisogni espressi dalle famiglie.

Poiché il servizio di refezione scolastica è anche un servizio che incide sull'effettiva attuazione del diritto allo studio, è convincimento del Comune di Grosseto che questa deve essere integrata con i principi di efficienza ed efficacia che si esplicano in questo caso con l'ascolto dell'utenza e la valutazione dei bisogni. Attraverso le rilevazioni di customer satisfaction sono stati evidenziati i bisogni espressi dalle famiglie e le dinamiche economiche e sociali che le coinvolgono, al fine di riorganizzare l'erogazione del servizio, puntando all'ampliamento e al miglioramento dell'offerta. L'attivazione del tempo pieno in alcune scuole elementari va incontro appunto alle esigenze lavorative e organizzative delle famiglie che ormai vedono i genitori impegnati in attività professionali. Con l'occasione è stato proposto nuovamente il servizio di self service, già attivato in due precedenti sperimentazioni, a seguito degli ottimi risultati e dell'ampio consenso dell'utenza, intesa come alunni e genitori.

Obiettivi:

ottimizzare e sviluppare la qualità e l'organizzazione del servizio di refezione scolastica.

-Soddisfare i bisogni espressi dalle famiglie

-Attivazione self-service come strategia educativa per scelte consapevoli e acquisizione di modelli comportamentali

-Sostituzione delle bottiglie di plastica con caraffe di vetro

-riconoscere la preziosità del bene acqua-Riduzione dei rifiuti

-Abolizione dei disagi per la gestione dei vuoti

-Diminuzione dei costi di smaltimento e di consumo di carburanti fossili altamente inquinanti.

Destinatari:Alunni scuole primarie e infanzia con servizio di refezione scolastica

Partner:Ditta CAMST

Un premio ai servizi educativi del Comune dal Ministero della Funzione Pubblica

Un premio per aver raggiunto i risultati previsti, nel rispetto di quanto programmato, e per aver quindi dato prova di efficienza e professionalità al servizio del cittadino. Lo hanno ricevuto ieri i Servizi Educativi del Comune di Grosseto nell'ambito del concorso “Premiamo i risultati” promosso dal Ministero della Funzione Pubblica.
La manifestazione si è svolta nell'ambito del Forum Pubblica Amministrazione di Roma ed ha visto la partecipazione del Ministro Renato Brunetta. I Servizi Educativi comunali sono stati segnalati per aver presentato un piano progettuale volto al miglioramento gestionale e all'innalzamento della qualità dei servizi di assistenza scolastica, che è stato “monitorato” dagli esperti della Funzione Pubblica e che è stato successivamente selezionato proprio per i buoni risultati raggiunti nel rispetto di quanto programmato.

“Voglio fare un sentito ringraziamento – ha detto il Sindaco Emilio Bonifazi – agli operatori e ai dipendenti dei Servizi Educativi del Comune di Grosseto, per la professionalità e l'impegno che ogni giorno mettono nel loro lavoro. Il riconoscimento assegnato dal Ministero della Funzione Pubblica è l'ennesima dimostrazione del servizio, altamente qualificato, che il Comune offre ai propri cittadini”.
Per il Comune di Grosseto erano presenti la dirigente dei Servizi Educativi Diana Bosco e i funzionari dell'amministrazione, che hanno ritirato la menzione speciale al termine del convegno “Valutazione e miglioramento delle performance: strumenti ed esperienza a confronto” organizzato da Dipartimento Funzione Pubblica.
Il concorso, a cui hanno partecipato circa 800 amministrazioni/uffici, è durato un anno, durante il quale il Servizio ha superato tutti gli step di valutazione previsti. Fra tutti i partecipanti, sono stati alla fine selezionati 197 amministrazioni/uffici, tra i quali il Comune di Grosseto, che hanno ricevuto, in ragione della complessità dei piani realizzati ed in aggiunta alla valutazione on desk, la visita dei valutatori che hanno verificato in loco i risultati dichiarati.

"Crescere in compagnia" con la Società della Salute, il Comune di Grosseto e le scuole del territorio

Uno spettacolo di hip hop, la mostra delle attività svolte e la consegna degli attestati di partecipazione ai volontari e agli studenti coinvolti. Ecco il programma per la giornata conclusiva di “Crescere in compagnia”, il progetto socio-educativo promosso dalla Società della Salute dell’area grossetana insieme al Comune di Grosseto, la scuola media “Pascoli – Ungaretti” e in collaborazione con gli istituti secondari “Rosmini”, “Einaudi” e Chiron School Scd per promuovere, tra i bambini e i ragazzi dai 6 ai 14 anni, in carico al servizio sociale, attività di socializzazione e sostegno scolastico. L’appuntamento è giovedì 20 maggio, dalle 16 alle 18, nell’anfiteatro della Scuola media “Ungaretti”, in via Portogallo 5 a Grosseto. Saranno presenti, oltre ai ragazzi e i loro familiari, rappresentanti della Società della Salute, dell’Amministrazione comunale e degli istituti scolastici.
“Crescere in compagnia” è un modo per fronteggiare il disagio scolastico e sociale dei minori attraverso l’impegno di persone volontarie e degli studenti delle scuole superiori, “tutor” del progetto. Da gennaio a maggio, nei locali messi a disposizione dalla scuola media “Ungaretti”, 20 bambini hanno avuto l’opportunità di incontrarsi due volte a settimana – ogni martedì e giovedì, dalle 15 alle 18 – per svolgere varie attività,  coordinati da un educatore di comunità del  Coeso – Sds Grosseto e supportati da un operatore  domiciliare della Cooperativa Arcobaleno. Per cinque mesi, quindi, i minori sono stati coinvolti in laboratori creativi e giochi di gruppo, ma anche in attività di sostegno e assistenza nello svolgimento dei compiti.
«Questo progetto è particolarmente importante – afferma il Sindaco di Grosseto Emilio Bonifazi – perché promuove il protagonismo e il coinvolgimento diretto dei giovani in attività di solidarietà e di aiuto ai minori seguiti dai servizi sociali. Si tratta di un intervento socio-educativo – continua Bonifazi – che rientra perfettamente negli obiettivi e nelle finalità della neonata Società della Salute, che il Comune ha sposato in pieno perché l'educazione alla solidarietà tra generazioni rappresenta una occasione fondamentale anche per educare i più giovani ad una cittadinanza partecipe e consapevole».
«Crescere in compagnia – spiega Carla Camici, dirigente del settore socio-assistenziale della Sds grossetana – è un progetto di educazione alla solidarietà tra generazioni che si fonda sulla reciprocità intesa come valore aggiunto della crescita. I tutor crescono insieme ai più piccoli nella relazione solidale, le famiglie si incontrano e si confrontano sulle reciproche esperienze, la scuola, ospitando il progetto, diventa un protagonista attivo del contrasto al disagio scolastico. Tutti crescono in compagnia».
Hanno preso parte al progetto 9 allievi provenienti dall’indirizzo socio-psico-pedagogico dell’Istituto “Rosmini”, dall’indirizzo grafico pubblicitario dell’Istituto Einaudi e dalla Chiron School e 5 volontari adulti. Giovedì gli studenti- tutor riceveranno un attestato di partecipazione, valido per l’ottenimento di crediti formativi, e un buono acquisto spendibile in libri e dischi. Ai partecipanti alla giornata conclusiva, inoltre, il Comune di Grosseto offrirà una merenda fornita dalla Camst.

Comodato d'uso dei libri di testo

Anche per il prossimo anno scolastico sarà possibile accedere al comodato d'uso dei libri di testo per gli alunni delle scuole secondarie di primo grado. Potranno presentare la domanda le famiglie degli alunni delle prime e seconde classi che abbiamo un calcolo ISEE pari o inferiore a € 5.000,00.

Le domande per l'accesso dovranno essere presentate presso il Servizio Servizi Educativi dal 12/04/2010 fino al 31/05/2010 e dovranno essere corredate della dichiarazione ISEE.

Il modulo della domanda può essere ritirato presso l'ufficio dei Servizi Educativi in Via Saffi 17/C.

"L'influenza: laviamocene le mani...."

Questa Amministrazione ha aderito alla campagna di informazione- formazione, promossa dalla Provincia di Grosseto con la Asl9, sul tema dell'igiene delle mani come precauzione consigliata in considerazione della prevista pandemia da H1N1.

A completamento della campagna di sensibilizzazione, l'Assessorato alle Politiche Sociali Culturali ed Educative ha ritenuto opportuno fornire i flaconi di gel lavamani, con i relativi supporti, alle scuole primarie del Comune, al fine di rendere più efficace e significativa l'iniziativa.

Interventi di integrazione ai progetti "Serviti da te" e "Distributori prodotti di stagione e equo solidali"

Dal mese di novembre, le scuole interessate ai progetti "Serviti da te" (Scuola primaria di Marina di Grosseto e scuola primaria di Via Mazzini) e "Distributori prodotti di stagione e equo solidali"(scuole secondarie di 1° grado) avranno la possibilità di approfondire i temi dell'alimentazione grazie ad una serie di interventi mirati a far comprendere anche l'importanza dello sfruttamento ecocompatibile delle risorse alimentari del territorio.

Questi interventi sono affidati ad un'esperta che guiderà gli alunni alla riscoperta delle tradizioni e del territorio, dei principi dello sfruttamento ecocompatibile e delle origini degli alimenti e del loro ruolo nel funzionamento del nostro organismo.

Progetto "Telegiornale in classe"

I Servizi Educativi hanno promosso, in collaborazione con RAI 3, un progetto indirizzato agli alunni delle scuole secondarie di 1° grado intitolato "Telegiornale in classe". Questo progetto parte dall'esperienza del Gt Ragazzi, ed ha come obiettivo quello di coinvolgere i ragazzi nell'analisi e nella lettura critica dell'informazione televisiva. Hanno aderito al progetto la classe 3 G della scuola media Ungaretti e le classi 3 A-B-C della scuola media Alighieri. Gli alunni verranno seguiti per l'intero anno scolastico dai responsabili del Gt Ragazzi fino ad arrivare alla realizzazione di un telegiornale fatto da loro. L'iniziativa è promossa per abituare i ragazzi alla visione del telegiornale e in generale al concetto del "tenersi informati".  Tra le fasi del progetto sono previste anche 4 visite agli studi RAI di Saxa Rubra a partire dal prossimo 18 novembre.

Nuovo Naturizzatore d'acqua nelle scuole

Dopo il progetto "Serviti da te", anche il progetto "Acqua di rubinetto" viene esteso per permettere ad altri bambini di fruire dell'acqua dell'acquedotto locale servita nelle caraffe di vetro, contribuendo al tempo stesso a diminuire ulteriormente i rifiuti con l'eliminazione delle bottiglie di plastica. La scuola individuata è quella di Vallerotana, dove il nuovo naturizzatore sarà installato e diverrà funzionante dal 12 novembre.

Nuovo Self Service in Via Mazzini

Visto il successo ottenuto con il progetto "Serviti da te" nella scuola primaria di Marina di Grosseto, è stato introdotto, a partire dal 15 ottobre, il sistema Self-Service anche nella scuola primaria di Via Mazzini. La decisione di introdurre nuovamente questo sistema di refezione scolastica è motivata sia dall'entusiasmo dimostrato dai bambini  che ne hanno usufruito lo scorso anno e che hanno dimostrato come sia stimolante il percorso per autogestirsi e responsabilizzarsi nella scelta del cibo, sia dal positivo aspetto che il sistema Self Service dimostri  come la scelta personalizzata del pranzo comporta un minore spreco di cibo.

"La scuola al centro" - Le buone pratiche in campo ambientale

 

Il prossimo 11 giugno le scuole di Grosseto che hanno realizzato i progetti di educazione ambientale parteciperanno all'iniziativa “La scuola al centro - buone pratiche in campo ambientale” che si svolgerà presso il centro nazionale per lo sviluppo sostenibile “Il Girasole”, loc. ex Enaoli a Rispescia.

Questa iniziativa coniuga la collaborazione tra il Servizio Servizi Educativi e le scuole per la realizzazione dei progetti e l'intesa tra l'Amministrazione Comunale e Legambiente a seguito del protocollo di collaborazione firmato lo scorso aprile.

I bambini arriveranno al centro la mattina, saranno guidati lungo il percorso natura e avranno poi modo di far colazione con prodotti naturali e locali. Infine presenteranno i seguenti progetti realizzati in campo ambientale:

Progetto raccolta differenziata nelle scuole

Progetto acqua naturizzata

Progetto Self Service Serviti da te

Progetto Pullman sostenibile: sali e gioca all'aria pulita

La mattinata si concluderà con un pranzo a base di prodotti biologici offerto da Legambiente e Comune di Grosseto.

Comodato d'uso dei libri di testo

La crisi economica che il Paese sta affrontando ha creato nuove fasce di povertà mettendo in serie difficoltà un numero sempre maggiore di famiglie. In particolare, le famiglie che hanno i figli in età scolare devono tutti gli anni sostenere spese scolastiche sempre più onerose, aggravando così i loro già seri disagi. Una grave conseguenza di questo disagio economico è la presenza di alunni che iniziano l’anno scolastico sprovvisti di libri di testo.

Di fatto, quello del caro-libri è un problema che ogni anno si ripropone con la consueta criticità, offendendo il risparmio delle famiglie e umiliando il diritto d’autore. Inoltre la congiuntura economica evidenzia costantemente i malesseri presenti nella scuola .

Per attenuare i disagi derivati dalla difficile ed attuale situazione economica delle fasce sociali più esposte della nostra comunità e per favorire il percorso scolastico è stata realizzata l' iniziativa del comodato d'uso dei libri di testo per gli alunni che dal prossimo anno scolastico si iscriveranno alle scuole primarie di 1° grado

Dal 1 giugno 2009 al 15 giugno 2009 potranno essere presentate, presso gli uffici dei servizi educativi, le domande per l'accesso al comodato d'uso dei libri di testo per le classi 1e delle Scuole Secondarie di Primo Grado (scuole medie).


Potranno presentare la richiesta le famiglie che hanno un ISEE, riferito ai redditi del 2008, pari o inferiore a € 5.000,00.


Il modulo di domanda puo' essere ritirato presso l'ufficio dei Servizi Educativi in via Saffi 17/c. Per informazioni 0564/488772-598.

Protocollo di Intesa con Legambiente

Il giorno 1° aprile 2009, presso la Sala del Consiglio del Comune di Grosseto, l'Assessorato alle Politiche Sociali Culturali ed Educative e Legambiente sottoscriveranno un Protocollo di Intesa per realizzare progetti specifici ed azioni concrete, che rendono la realtà scolastica grossetana all'avanguardia nel campo ambientale e allo stesso tempo valorizzano il grande patrimonio di iniziative e progetti già realizzati attraverso un adeguato piano di comunicazione. Nel particolare. il Comune di Grosseto e Legambiente si impegneranno a realizzare un programma di lezioni e laboratori, da promuovere tra le scolaresche e da svolgere presso il Centro Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile di Legambiente "Il Girasole".

Edizione 2008 Biennalina 0-10

Il 12 Novembre è stata inaugurata a Firenze, presso la Fortezza Da Basso, l'edizione 2008 della “Biennalina 0-10, il salone nazionale dell'infanzia”. Il Comune di Grosseto ha partecipato con il Servizio Servizi Educativi e con l'Istituzione ISIDE.

I Servizi Educativi hanno presentato i progetti realizzati per innalzare la qualità del servizio di refezione scolastica, Serviti da te (con un video realizzato alla scuola primaria di Marina di Grosseto) e il progetto sperimentale per le figure dei mediatori linguistici.

Hanno suscitato interesse dei visitatori gli opuscoli che il comune ha pubblicato per favorire la conoscenza dei servizi offerti, primo fra tutti “Tempo di mensa...cosa bolle in pentola?”, realizzato per promuovere una sana e corretta alimentazione, importantissima per il bambino che sta crescendo. Poi la “Guida ai Servizi Scolastici del Comune di Grosseto”, che vuole essere un contributo all'impegno di informazione e di chiarezza che l'amministrazione Comunale di Grosseto vuole promuovere e spiega come usufruire correttamente del servizio mensa e del servizio trasporto e come accedere ai contributi previsti per il diritto allo studio. La stessa guida è stata poi presentata nella traduzione in arabo, albanese, polacco e rumeno, realizzata per favorire l'integrazione nel contesto scolastico degli alunni stranieri e delle loro famiglie.

Anche alcune scuole della città hanno voluto dare il loro contributo presentando i lavori realizzati direttamente dai bambini della scuola dell'infanzia. La scuola dell'Infanzia “Il Pollino” ha presentato “....Pinocchio”, uno spettacolo realizzato nel contesto della rassegna provinciale teatrale per le scuole “Premio città di Grosseto”; la scuola dell'Infanzia di Vallerotana ha presentato un progetto sulle nuove tecnologie didattiche “giochiamo con il computer” e il progetto “Acqua e aria, 2 elementi da scoprire e rispettare” . Infine la scuola dell'infanzia di Via Jugoslavia ha presentato il Progetto “Pane e..” sull'educazione alimentare.

PROGETTO ACQUA NATURALIZZATA

Da settembre 2008 partirà nelle scuole di Braccagni (scuola dell’infanzia e primaria) e via Jugoslavia (infanzia e primaria) un progetto sperimentale sull’utilizzo dell’acqua di rubinetto naturalizzata tramite un trattamento per eliminare i difetti che si possono riscontrare nelle acque degli acquedotti senza però creare nessun effetto collaterale negativo. Tale scelta è una svolta ecologistica, in quanto l’operazione permetterà di ridurre la quantità di rifiuti che finisce nei cassonetti anche se differenziati, e sarà una virata verso una alimentazione più naturale possibile. Nelle scuole oggetto della sperimentazione saranno installati dei naturalizzatoti appositi per l’acqua di rubinetto in grado di trasformare l’acqua di qualsiasi acquedotto nella migliore acqua potabile. A seguito del livello di gradimento di questa prima sperimentazione, l’amministrazione valuterà la possibilità di estendere l’iniziativa a tutte le mense scolastiche

PROGETTO "SERVITI DA TE"

L’Amministrazione comunale ha deciso di introdurre, in via sperimentale, nella scuola di Marina di Grosseto, il servizio Self - Service, con il quale i bambini avranno la possibilità di scegliere il proprio pasto tra una varietà di cibi messi a loro disposizione. Girare con il vassoio per la mensa è divertente per i piccoli e li aiuta anche a responsabilizzarsi. Inoltre non è mai troppo presto per imparare a scegliere ed abbinare i piatti giusti. L’iniziativa trova conferma anche nei pareri di esperti nutrizionisti che ritengono, nell’ambito dell’educazione alimentare, i semplici momenti divertenti ed educativi come un coinvolgimento diretto dei giovani fruitori. Il servizio verrà erogato sfilando lungo una linea self service che conterrà nella zona di testa 2 elementi di distribuzione pane,vassoio, stoviglie, tovaglietta da aggiungere sul vassoio, tovagliolo ed eventualmente il bicchiere

Lungo il primo bancone, contenente elementi bagnomaria, si preleveranno il primo e secondo piatto con relativo contorno, scegliendo tra due primi, due secondi e due contorni.

Lungo il secondo bancone, con vasca refrigerata, si preleveranno frutta, yogurt e dessert.

Progetto "Raccolta differenziata nelle scuole"

Il tema dei rifiuti è oggi una delle questioni ambientali più urgenti e quindi è stato ritenuto opportuno che facesse parte di un progetto educativo che sviluppasse il senso critico dei ragazzi e la consapevolezza nei confronti delle problematiche ambientali. Nella scuola primaria di Via Mazzini e nella scuola primaria di Via Sicilia, è iniziato un progetto sperimentale sulla raccolta differenziata dei rifiuti, che ha lo scopo di aiutare a sviluppare negli alunni il valore della tutela ambientale, il senso di comunità e il rispetto del territorio come patrimonio di tutta la collettività. Le scuole sono state dotate di contenitori per la raccolta differenziata di carta, multimateriale, pile e frazione non riciclabile. Il percorso didattico ideato per sensibilizzare alla corretta gestione dei rifiuti si articola in diverse attività:

  • incontri con tecnici di COSECA Spa sul ciclo dei rifiuti, modalità di raccolta differenziata, buone pratiche di riduzione, consumo critico, attività di comunicazionesul tema dei rifiuti.
  • raccolta differenziata di carta, vetro, alluminio, tetrapak e pile.
  • attività ludico creative, in collaborazione con la Cooperativa "La Ragnatela", per laboratori di riuso e recupero, organizzazione di raccolte di giochi e libri non utilizzati per scambi, per la creazione di piccole ludoteche scolastiche, per donazioni a finalità sociale.
  • Gita al supermercato alla scoperta degli imballaggi e della loro possibile riduzione.

Alla fine dell'anno scolastico verrà organizzata una Eco festa, con una mostra sui risultati delle attività scolastiche, e uno spettacolo di teatro ambientale.

Il progetto è realizzato in collaborazione con il Servizio Ambiente e con il gestore del servizio di igiene urbana CO.S.EC.A

Pubblicata da: Silvia Brasini | Pagina modificata: 17.12.2012 09:29 | Pagina creata: 08.07.2008 17:12








� 2008 Comune di Grosseto | Credits | Garante della Comunicazione Urbanistica | W3C quality assurance: Valid XHTML 1.0 Strict    CSS Valido!