Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Menu di navigazione della sottosezione

A A A icona accessibilità Access Key icona mappa del sito Mappa del sito icona aiuto Aiuto
 
Menu di navigazione
Sei in: Il Comune » Gli Uffici del Comune » Polizia Municipale, Sicurezza e Ambiente » Servizio Ambiente » Scarichi di acque reflue domestiche o ad esse assimilate non in pubblica fognatura di cui LRT n° 20/2006

Menu di navigazione della sottosezione


Polizia Municipale, Sicurezza e Ambiente

Contenuto della pagina


Servizio Ambiente

Scarichi di acque reflue domestiche o ad esse assimilate non in pubblica fognatura di cui LRT n° 20/2006


Struttura Comunale competente

Settore competente: Gestione del Territorio

Servizio competente: Edilizia Privata

Responsabile del Servizio: Paolo Fornasiero,  E-mail: paolo.fornasiero[at]comune.grosseto.it

Referenti:

Indirizzo: Via Sonnino 50

Giorni di apertura al pubblico: Martedì e Giovedì

Orario: 10,00 - 12,30 / 15,30 - 17,00

 

Regolamento Comunale

Con Delibera del Consiglio Comunale n° 50 del 3 maggio 2010è stato approvato il “Regolamento Comunale per la disciplina degli scarichi di acque reflue domestiche o ad esse assimilate in aree non servite da pubblica fognatura” che è entrato in vigore il 20 maggio 2010 per cui, dalla suddetta data, il nuovo iter procedurale da seguire per ottenere l’autorizzazione allo scarico è indicato dal seguente diagramma di flusso:

Requisiti

  1. Essere titolari di:
    • uno scarico di acque reflue domestiche, ovvero di uno scarico di acque reflue provenienti da insediamenti di tipo residenziale e da servizi e derivanti prevalentemente dal metabolismo umano e da attività domestiche, con carico massimo fino a 2.000 abitanti equivalenti;
    • uno scarico di acque reflue, assimilabili alle acque reflue domestiche, provenienti dalle attività di cui al comma 7 art. 101 del D.lgs. 152/2006 e s.m.i. nonché quelle derivanti dalle attività indicate nella Tabella 1 Allegato 2 del Decreto del Presidente della Giunta Regionale Toscana 8 settembre 2008, n° 46/R, con carico massimo fino a 2.000 abitanti equivalenti;
  2. Lo scarico deve essere ubicato in un’area e/o località non servita da pubblica fognatura. Le aree e/o le località non servite da pubblica fognatura sono quelle ubicate a distanze superiori rispetto a quelle indicate nell'art. 48 – Titolo 5 del Regolamento del Servizio Idrico Integrato ED. 2009, ovvero:
    • fino a 5 abitanti equivalenti (AE) : se la pubblica fognatura dista più di 50 metri;
    • fino a 10 abitanti equivalenti (AE) : se la pubblica fognatura dista più di 100 metri;
    • fino a 15 abitanti equivalenti (AE) : se la pubblica fognatura dista più di 150 metri;
    • fino a 20 abitanti equivalenti (AE) : se la pubblica fognatura dista più di 200 metri;
    • fino a 25 abitanti equivalenti (AE) : se la pubblica fognatura dista più di 250 metri;
    • fino a 30 abitanti equivalenti (AE) : se la pubblica fognatura dista più di 300 metri;
    • oltre 30 abitanti equivalenti (AE): la distanza precedente (300 metri) sarà aumentata in ragione di 10 metri per ogni ulteriore abitante equivalente.

Documentazione da presentare

 

Per ottenere il Nulla Osta Preventivo:

Tutto in duplice copia senza marche da bollo

  • Modello A – Domanda di Nulla Osta Preventivo
  • Modello B – Modello aggiuntivo solo in caso di più titolari di uno stesso scarico
  • Modello C – Dati riassuntivi relazione idrogeologica

 Documenti da allegare:

 

  • relazione tecnica con planimetrie, sezioni e particolari costruttivi redatti e firmati da tecnico abilitato
  • relazione idrogeologica firmata da un geologo abilitato alla professione
  • modello C con i dati riassuntivi della relazione idrogeologica
  • visura e mappa catastale aggiornate con ubicazione dell’insediamento e localizzazione finale scarico
  • fotocopia documento d’identità di tutti i richiedenti, del tecnico progettista e del geologo incaricati
  • relazione integrativa per le attività i cui scarichi sono assimilati ad acque reflue domestiche

Per ottenere l’Autorizzazione allo scarico:

Tutto in duplice copia

 

  • Modello D – Domanda di Autorizzazione allo scarico - una copia con marca da bollo da 14,62 €
  • Modello E – Modello aggiuntivo solo in caso di più titolari di uno stesso scarico< /li>
  • Modello F – Dichiarazione di asseveramento geologo
  • Modello G – Dichiarazione di asseveramento tecnico progettista

Documenti da allegare:

 

  • attestazione pagamento oneri istruttori 50,00 €< /li>
  • attestazione pagamento eventuali oneri per rilievi, accertamenti, controlli e sopralluoghi tecnici
  • attestazione pagamento eventuali oneri per consulenza tecnica ARPAT per carichi > 100 AE
  • fotocopia documento d’identità di tutti i richiedenti, del tecnico progettista e del geologo incaricati

 

 

Costi

  1. Oneri Istruttori: 50,00 €
    Versamento su conto corrente postale n° 11187580 intestato a Comune di Grosseto – Servizio tesoreria
    Bonifico su conto corrente bancario codice IBAN :   IT21E 01030 14300 00000 3288381
    Causale : Scarichi reflui domestici non in fognatura
  2. Oneri tecnici per eventuali rilievi, accertamenti, controlli e sopralluoghi: 59,95 €
  3. Oneri per consulenza tecnica ARPAT per scarichi > 100 AE:  come da tariffe ARPAT
  4. Marca da bollo da 14,62 € una per la domanda di autorizzazione (Modello D) ed una per l’atto autorizzatorio

Alla domanda di Autorizzazione allo scarico (Modello D) deve essere allegata la documentazione comprovante l’avvenuto pagamento degli oneri di cui al punto 1. nonché degli eventuali ulteriori oneri previsti nei casi di cui ai punti 2. e 3.

Normativa di riferimento

  • Deliberazione 4 febbraio 1977 del Comitato dei Ministri per la tutela delle acque dall'inquinamento;
  • Decreto Legislativo n° 152 del 03/04/2006 “Norme in materia ambientale” e successive modifiche ed integrazioni (D.Lgs. 152/06);
  • Legge Regionale n° 20 del 31/05/2006 “Norme per la tutela delle acque dall'inquinamento” (L.R. 20/06);
  • Decreto del Presidente della Giunta Regionale 8 settembre 2008, n° 46/R - Regolamento di attuazione della legge regionale 31 maggio 2006, n.20 “Norme per la tutela delle acque dall'inquinamento” (R.R. 46/R/08);
  • Comune di Grosseto: Nuovo Regolamento igienico edilizio – Seconda parte, con speciale riguardo agli artt. 72 – 105 – 118;
  • Ambito Territoriale Ottimale N.6 Ombrone – Regolamento del Servizio Idrico Integrato ED. 2009, con particolare riguardo al Titolo 5 – art. 48;
  • Comune di Grosseto: Regolamento Comunale per la disciplina degli scarichi di acque reflue domestiche o ad esse assimilate in aree non servite da pubblica fognatura (D.C.C. n. 50 del 03/05/2010).

Modelli

  1. Modello A – Domanda di Nulla Osta preventivo;
  2. Modello B – Modello aggiuntivo alla domanda di Nulla Osta preventivo, in caso di più titolari di uno stesso scarico;
  3. Modello C – Dati riassuntivi relazione idrogeologica;
  4. Modello D – Domanda di autorizzazione allo scarico;
  5. Modello E – Modello aggiuntivo alla domanda di autorizzazione allo scarico, in caso di più titolari di uno stesso scarico;
  6. Modello F – Dichiarazione di asseveramento geologo;
  7. Modello G – Dichiarazione di asseveramento tecnico progettista;

 

REGOLAMENTO SCARICHI aggiornato

MODIFICA ARTT. 23 - 36 del REGOLAMENTO SCARICHI - DELIBERA C.C. N° 116/2010

AUTORIZZAZIONI RILASCIATE

Autore: Massimiliano Fabrizi | Pagina modificata: 16.11.2011 08:44 | Pagina creata: 07.06.2010 10:23








� 2008 Comune di Grosseto | credits | Garante della Comunicazione Urbanistica | W3C quality assurance: Valid XHTML 1.0 Strict    CSS Valido!