Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Menu di navigazione della sottosezione

A A A icona accessibilità Access Key icona mappa del sito Mappa del sito icona aiuto Aiuto
 
Menu di navigazione
Sei in: Il Cittadino » Pagare le tasse » Imposte tasse canoni » TARSU fino anno 2012

Menu di navigazione della sottosezione


Imposte tasse canoni

Contenuto della pagina


Pagare le tasse

TARSU


Informazioni

TARSU (Tariffa Rifiuti Solidi Urbani) è la tassa è dovuta da tutti coloro che occupano o detengono locali ed aree scoperte a qualsiasi uso adibite. Non ha rilevanza il titolo in base al quale i locali sono occupati o detenuti (proprietà, locazione, comodato gratuito, uso di fatto) e nemmeno l'effettiva produzione di rifiuti o l'effettivo utilizzo del servizio di smaltimento. Infatti la legge presume la produzione di rifiuti nei locali o aree ove si verifica la presenza dell'uomo, mentre l'utilizzo del servizio pubblico di smaltimento è comunque obbligatorio per legge.

Come si calcola la TARSU

La tassa si calcola in base alla tariffa prevista per l'uso a cui sono destinati i locali ed alla superficie complessiva degli stessi. Più precisamente occorre moltiplicare la tariffa prevista per i metri quadrati della superficie tassabile. Tale calcolo è comunque effettuato direttamente dall'ufficio tributi, dato che il pagamento avviene a seguito di emissione di apposita cartella (non è infatti prevista l'autotassazione come per gli altri tributi comunali).

Esenzioni

Non sono soggetti alla tassa i locali e le aree che non possono produrre rifiuti per la loro natura o per il particolare uso cui sono stabilmente destinati, o perché risultino in obiettive condizioni di non utilizzabilità. Per ulteriori specifiche si rinvia agli art. 5 e 10 del Regolamento.

 

Riduzioni

La tariffa ordinaria viene ridotta nelle seguenti misure:

a)  Per abitazioni con unico occupante: del 30%

b)  Per agricoltori che occupano la parte abitativa della costruzione rurale: del 30%

c)  Per locali non adibiti ad abitazione ed aree scoperte, nell' ipotesi di uso stagionale per un periodo non superiore a sei mesi dell' anno risultante dalla licenza o autorizzazione rilasciata dai competenti organi per l' esercizio dell' attività svolta: del 30%

d)  Per abitazioni tenute a disposizione per uso stagionale od altro uso limitato e discontinuo a condizione che tale destinazione sia specificata nella denuncia originaria o di variazione indicando l' abitazione di residenza e l' abitazione principale e dichiarando espressamente di non voler cedere l' alloggio in locazione o comodato, salvo accertamento da parte del Comune: del 30%

e)  Per utenti che, versando nelle circostanze di cui alla lettera d) risiedano o abbiano la dimora, per più di sei mesi all' anno, in località fuori del territorio nazionale: del 30%

f) per attività produttive, commerciali e di servizi per le quali gli utenti dimostrano di

rientrare nelle condizioni previste dall'art. 67, punto 2) del D.Lgs. 507/93: minimo del 30%

massimo del 50%;

Regolamento TARSU - 10 -

g) del 40% in favore di nuclei familiari con soggetti portatori di handicap ai sensi della

Legge n. 104/92 in condizioni di gravità riconosciuta dalla Commissione medica

competente;

h) del 45% per le abitazioni (con esclusione di quelle catastalmente classificate nelle

categorie A/1-A8 e A/9), la cui utenza è intestata a pensionati ultra sessantacinquenni il cui

nucleo familiare, inteso come da risultanze anagrafiche, presenti un Indicatore della

Situazione Economica Equivalente (certificazione ISEE) non superiore a € 8.000,00

(ottomila), se composto da unico componente, ed ulteriori € 2.000,00 (duemila) per ogni

componente oltre il primo, con riferimento all'anno precedente il tributo;

i) previa presentazione di idonea probatoria documentazione, del 50% per le

organizzazioni non lucrative di utilità sociale (O.N.L.U.S.), di cui all'art.10 del D.Lgs.

460/97, relativamente alla superficie degli immobili utilizzati come sede e di quelli

strumentali per le proprie attività istituzionali;

l) per i locali destinati ad attività espositive: del 30%;

m) ai sensi dell'art.67, comma 1, del D.Lgs.507/1993, è prevista l'esenzione e la riduzione,

nelle forme di seguito specificate, della tassa per le nuove attività produttive, commerciali e

di servizi, costituite, a decorrere dall'anno di entrata in vigore del presente regolamento, da

giovani di età inferiore ai 35 anni nonché per quelle a conduzione femminile. L'esenzione

sarà totale il primo anno mentre la tariffa unitaria sarà ridotta del 65% e del 30%

rispettivamente, nella seconda e nella terza annualità.

Modulistica

Normativa/e di riferimento

D.Lgs. 507/1993 "Revisione ed armonizzazione dell'imposta comunale sulla pubblicità e del diritto sulle pubbliche affissioni, della tassa per l'occupazione di spazi ed aree pubbliche dei comuni e delle provincie nonché della tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani a norma dell'articolo 4 della legge 23 ottobre 1992, n 421, concernente il riordino della finanza territoriale"

Legge n. 104/1992 "Legge-quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate"

D.Lgs. n. 460/1997 "Riordino della disciplina tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale"

Regolamenti

 

Tariffe

 

Consultazione utenti

  • Tassa smaltimento rifiuti solidi urbani

 

Guida al Contribuente

  • Chi paga la T.A.R.S.U.
  • Come si calcola la T.A.R.S.U.
  • Esenzioni e Riduzioni
  • Modulistica
  • FAQ

Contatti interni

  • Ufficio TARSU / TARES

Contatti ad enti/uffici esterni

***

Link utili

Tariffe

Delibera tariffe 2010

Delibera tariffe 2003

Delibera tariffe 2002

Delibera tariffe 2001

Pubblicata da: S.E.D. | Pagina modificata: 20.02.2017 12:28 | Pagina creata: 10.01.2008 15:15








� 2008 Comune di Grosseto | credits | Garante della Comunicazione Urbanistica | W3C quality assurance: Valid XHTML 1.0 Strict    CSS Valido!